Scuola Calcio

 

SANSEVERINO CALCIO
ll gioco del calcio A che età iniziare la scuola calcio?

Per quanto concerne l’età, le scuole di pensiero su quando un bambino dovrebbe iniziare a giocare a calcio sono diverse; alcuni autori suggeriscono che i bambini dovrebbero iniziare in età prescolare; altri consigliano i sette anni e altri ancora addirittura fra i 9 e 10 anni, età, queste ultime, che alcuni autorevoli preparatori ritengono invece la soglia massima per l’inizio dell’attività calcistica.

Molte scuole calcio comunque accettano bambini a partire dai 4 anni, la cosa che raccomandiamo vivamente è che vista la giovanissima età prima di iscrivere il proprio figlio a una scuola calcio qualsiasi è opportuno informarsi con i responsabili per farsi un’idea della serietà della struttura e delle competenze educative e tecniche degli istruttori.

Ricordate che gli istruttori ricoprono un ruolo fondamentale nei confronti dei bambini. 

Il calcio per i bambini dai 5 ai 12 anni.

Il gioco sport calcio è una attività collettiva, con la palla, di situazione, aciclico, simmetrico, di tipo misto (aerobico, anaerobico alternato).

Non deve essere considerato il Gioco del Calcio in miniatura, ma una attività ludico sportiva, socializzante, partecipativa, di comunicazione, che produce uno sviluppo armonico del corpo. Utilizzando le capacità senso-percettive, si educheranno gli schemi motori di base che, attraverso l’educazione e lo sviluppo delle capacità motorie (condizionali e coordinative e di flessibilità articolare), si trasformeranno in abilità motorie, migliorando, contemporaneamente, la capacità di prestazione individuale.             

·   SISTEMA SENSO MOTORIO
·   SCHEMI MOTORI-ABILITA’
·   MOTORIE
·   PRESTAZIONE MOTORIA    

Per poter raggiungere questi obiettivi, l’istruttore deve conoscere i bambini sotto i diversi aspetti (cognitivo, affettivo, sociale, motorio), deve conoscere bene i fondamentali calcistici e deve saper programmare il proprio lavoro.

Le capacità motorie individuali, a questa età, devono essere educate e sviluppate giocando, i fondamentali calcistici devono essere presentati sotto forma di gioco (dal semplice al difficile).

L’importante è non pretendere, prima del tempo, l’esecuzione perfetta dei gesti tecnici, cioè prima che il lavoro di educazione e strutturazione degli schemi motori sia stato completato.

L’istruttore durante le lezioni di gioco sport calcio (non allenamenti in quanto trattasi di proposte educativo ludico motorie) dovrà spiegare correttamente gli esercizi gioco, li lascerà provare (senza correggere troppo) verificando poi attraverso esercizi gioco e gare se il gesto è stato appreso.